Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Vitruvio

Vitruvio Pollione, ex-ufficiale sovrintendente alle macchine da guerra sotto Giulio Cesare ed architetto-ingegnere sotto Augusto, tra il 27 AC ed il 23 AC (aveva progettato e costruito la basilica di Fano).

Scrisse il "De architectura", in 10 libri (dedicato ad Augusto che gli aveva concesso una pensione), intorno al 30-20 AC. L'edizione dell'opera avvenne negli anni in cui Augusto progettava un rinnovamento generale dell’edilizia pubblica. Tale trattato, riscoperto in età rinascimentale, stato il fondamento dell'architettura occidentale fino alla fine del XIX secolo.

Table of contents
1 De architectura

De architectura

I proemi sono illuminanti sulle normative delle discipline tecniche a Roma.

Argomenti:

  • Luoghi
  • Materiali
  • Edifici sacri
  • Edifici pubblici
  • Edifici privati
  • Idraulica
  • Orologi solari
  • Meccanica (costruzione di gru, macchine idrauliche e belliche)

Perduti i disegni che corredavano il trattato. L'architettura imitazione della natura, l'edificio deve inserirsi armoniosamente nell'ambiente naturale. L'architetto deve possedere una vasta cultura generale, anche filosofica (il modello del de oratore di
Cicerone presente in Vitruvio). Conoscenza dell'acustica per la costruzione di teatri ed edifici simili. Conoscenza dell'ottica per l'illuminazione degli edifici. Conoscenza della medicina per l'igiene delle aree edificabili.

Vitruvio mira anche a conferire all'architetto prestigio culturale e sociale solitamente negato ai tecnici antichi (proemi)

Stile

Nei proemi elegante con ornamenti retorici. Nelle parti didascaliche disadorno, efficiente, con volgarismi e tecnicismi di origine greca.

   

GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |