Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Valore aggiunto

Il valore aggiunto Ť un concetto dell'economia e misura l'aggiunta di valore che si verifica nell'ambito di tutte le unit√† di produzione, grazie all'intervento operativo dei fattori di produzione, vale a dire dei mezzi materiali e di quelli personali.

Ci sono molti modi per descrivere, interpretare, dare un significato al valore aggiunto, baster√† dire che esso Ť una misura dell'incremento lordo della ricchezza di un operatore economico, branca o altro che sia, e che pu√≤ essere osservato in tre modi differenti, ma tra di loro equivalenti:

a) dal punto di vista della produzione, sottraendo al valore dei beni finali il valore dei beni resisi necessari per produrre questi beni finali;

b) osservando come i redditi vengono distribuiti ai fattori della produzione;

c) sommando il valore dei beni e servizi venduti al consumatore finale, cioŤ osservando la spesa.

Il tutto Ť possibile grazie all'equivalenza

produzione = spesa = redditi
nel circuito del reddito. Il valore aggiunto stesso pu√≤ essere valutato in piý modi, usando i prezzi percepiti dal produttore (VA valutato al costo dei fattori) oppure usando i prezzi pagati dal consumatore (VA ai prezzi di mercato). La differenza tra queste due valutazioni Ť dovuta alla politica fiscale della Pubblica Amministrazione. Infatti il prezzo di un bene che esce dalla fabbrica e che viene percepito dal produttore viene aumentato (di solito dall'IVA) o diminuito (contributi alla produzione) secondo leggi imposte dallo stato o da chi per esso, e il consumatore pager√† una cifra diversa da quella che il produttore effettivamente incassa.

La misurazione del Valore Aggiunto nella Contabilità Nazionale

In statistica, nell'ambito della statistica economica, in particolarmodo nella Contabilit√† Nazionale, la differenza tra al costo dei fattori e ai prezzi di mercato Ť dovuta in pratica ai contributi alla produzione, imposte indirette sulla produzione e imposte sulle importazioni. Poich√© questi importi sono di relativa facile reperibilit√† (risultanoo dalle statistiche fiscali della pubblica amministrazione), il passaggio dal Valore aggiunto al costo dei fattori al Valore aggiunto a prezzi di mercato, o viceversa, Ť immediato.

Il vero problema consiste nell'impiantare il sistema di rilevazione del Valore Aggiunto in genere. Anche avendo definito in modo operativo il Valore Aggiunto, molte informazioni sono difficilmente reperibili, altre invece non esistono direttamente. Ci√≤ ha portato ad una moltitudine di tecniche per calcolare il VA in ciascuna branca economica, appoggiandosi in genere ad uno o piý modi possibili di osservare il VA.

Queste tecniche, praticate dagli istituti di statistica (p.es.ISTAT), a volte osservano i consumi finali delle famiglie (p.es. nelle branche 'turistiche'), altre volte calcolando i redditi (specialmente nelle branche dei servizi non destinabili alla vendita) oppure osservando la differenza tra produzione vendibile e consumi intermedi (in particolarmodo nelle branche dell'industria e dell'agricoltura).

E, d'altra parte, non sempre si possono applicare direttamente questi metodi, perciò si ricorre a volte ad indicatori indiretti.

Avendo i vari settori economici piý o meno gli stessi problemi tipici e le stesse particolariet√†, anche in paesi differenti i metodi usati spesso sono simili per le stesse branche in differenti paesi, ma diversi tra branche diverse dello stesso paese.


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |