Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Utopia

Per utopia si intende un progetto apparentemente irrealizzabile basato su dei principi giudicati universalemente giusti. L'utopista é colui che non vuole basare le sue preferenze e le sue scelte ideologiche partendo dallo studio della realtà e della pi probabile realizzabilità, ma decide di voler seguire un ideale che ritiene giusto pur sapendo che questo ideale resterà irrealizzato.

La parola nasce dal titolo di un libro di Tommaso Moro (circa 1516). In esso Moro ritrae una società organizzata razionalmente, attraverso la narrazione di un esploratore, Raphael Hythlodaeus. Utopia una repubblica in cui tutta la proprietà in comune. Non ha avvocati e raramente manda in guerra i suoi cittadini, ma assolda mercenari dalle nazioni vicine. Forse Moro, un religioso laico che pensò di entrare nella chiesa, venne ispirato dalla regola monacale quando descrisse il funzionamento della sua società. Fu un'ispirazione per le Reducciones fondate dai Gesuiti per cristianizzare e civilizzare il Guaranì.

La parola "utopia" viene usata da Moro per suggerire simultaneamente due neologismi greci: outopia (nessun luogo) e eutopia (buon luogo).

L'utopia può essere idealistica o practica, ma il termine ha acquisito una forte connotazione di perfezione ottimistica, idealistica e impossibile. L'utopia può essere posta a contrasto con l'indesiderabile distopia (anti-utopia, pseudo-utopia) e con l'utopia satirica.

Table of contents
1 Economica
2 Politica e storica
3 Religiosa
4 Scientifica e tecnologica
5 Esempi
6 Vedi anche
7 Collegamenti esterni

Economica

Le utopie socialista e comunista generalmente ruotano attorno a una distribuzione paritaria dei beni, spesso con la totale abolizione del denaro, e con cittadini che fanno un lavoro che apprezzano e che svolto per il bene comune, e che gli lascia ampi margini di tempo per coltivare arti e scienze.

Politica e storica

Un'utopia golbale di pace mondiale viene spesso vista come una delle possibili e inevitabili fini della storia.

Sparta fu un'utopia militaristica fondata da Licurgo (anche se alcuni, specialmente gli ateniesi, possono averla vista come una distopia). Fu una potenza greca fino alla sua sconfitta da parte dei Tebani nella battaglia di Leuctra.

Religiosa

Le idee Cristiana e Islamica di paradiso tendono ad essere utopiche, specialmente nella loro forma popolare: invitando ad una speculazione sull'esistenza libera dal peccato, dalla povertà e da ogni tristezza, oltre il potere della morte (anche se il "paradiso", nell'escatologia cristiana almeno, pi equivalente alla vita in Dio, visualizzata come un paradiso terrestre nei cieli). In un senso simile, il concetto Buddista di Nirvana può essere visto come una specie di utopia. Le utopie religiose, peraltro diffusamente descritte come un giardino di delizie, esistenza libera da preoccupazioni, in mezzo a strade lastricate d'oro, in uno stato di illuminazione beatificante, godendo di poteri divini, sono spesso ragione per percepire benefici nel rimanere fedeli a una religione, e un incentivo per la conversione di nuovi membri.

Vedi anche: fine del mondo, escatologia, millennarismo, utopismo

Scientifica e tecnologica

Queste utopie sono poste nel futuro, quando una scienza e una tecnologia avanzate permetteranno uno stile di vita utopico; ad esempio, l'assenza della morte e della sofferenza; cambiamenti nella natura e nella condizione umana. Un'utopia tecnologica viene talvolta chiamata "estropia", specialmente dai transumanisti.

Vedi anche: transumanesimo, singolarità tecnologica

Opposta a questo ottimismo vi la predizione che l'avanzamento di scienza e tecnologia diverrà, a causa dell'errato utilizzo o per un incidente, la causa dell'esitnzione dell'umanità. Questi pessimisti avvocano precauzione invece che adozione.

Esempi

Attenzione, questo articolo contiene una trama


L'Utopia (1516 circa) di Tommaso Moro
  • La città del sole (1623) di Tommaso Campanella
  • La nuova atlantide (1627) di Francis Bacon
  • Oceana (1656) di James Harrington
  • la sezione de I viaggi di Gulliver (1726) di Jonathan Swift che descrive la calma e razionale società degli Houyhnhm, certamente utopica, ma intesa per essere contrapposta a quella degli Yahoo, che rappresentano il peggio della razza umana.
  • Voyage en Icarie (1840) di Etienne Cabet
  • Erewhon (1872) di Samuel Butler
  • Guardando indietro (1888), di Edward Bellamy
  • Freiland (1890) di Theodor Hertzka
  • News from Nowhere (1891), di William Morris; vedi anche Movimento delle arti e mestieri, fondato per mettere in pratica le sue idee.
  • Utopia, Limited (1893) una operetta di Gilbert e Sullivan, nella quale una piccola isola-nazione si riforma in stile inglese, con un successo divertentemente totale.
  • Diversi libri di H.G. Wells, tra cui Una utopia moderna (1905)
  • ''Il mondo nuovo'\' (1932) di Aldous Huxley può essere considerato un esempio di satira pseudo-utopica (vedi anche distopia). Il suo altro libro, L'Isola dimostra un'utopia positiva.
  • Walden Two (1948) di B. F. Skinner
  • Atlas Shrugged (1957) di Ayn Rand
  • Star Trek (1966) serie televisiva di fantascienza ideata da Gene Roddenberry.
  • Quelli di Anarres (The Dispossessed) (1974), un romanzo di fantascienza di Ursula K. Le Guin, viene talvolta visto come uno dei pochi rappresentanti moderni del genere utopico, anche se notevole che uno dei temi principali del lavoro sia l'ambiguità delle differenti nozioni di utopia. La Le Guin presenta un mondo in cui i fossi devono essere scavati e le fogne devono essere spurgate - questo lavoro ingrato viene diviso tra tutti gli adulti, ed messo a confronto, nel linguaggio dell'utopia, con i loro lavori quotidiani e pi soddisfacenti.
  • Ecotopia (1975) di Ernest Callenbach
  • La trilogia delle tre Californie (anni 1990) di Kim Stanley Robinson
  • The Giver (1993), romanzo di Lois Lowry, ritrae una società "perfetta" del lontano futuro, nella quale l'eliminazione di guerre, malattie, paure, ecc. ottenuta al prezzo della repressione delle emozioni umane, dell'individualità e del libero arbitrio.
  • L'Imperativo Edonistico (1996), un manifesto online di David Pearce, delinea come ingegneria genetica e nanotecnologia aboliranno la sofferenza in tutta la vita senziente.
  • Matrix (1999), un film dei Wachowski brothers, descrive una realtà artificiale controllata da intelligenze artificiali come l'Agente Smith. Smith dice che la prima Matrix era un'utopia, ma gli umani la misero in dubbio e la rigettarono perché essi "definiscono la loro realtà attraverso miseria e sofferenza." Perciò, Matrix venne ridisegnata per simulare la civilizzazione umana con tutte le sue sofferenze.
  • Islandia (2002), di Austin Tappan Wright

  • Vedi anche

    • cacotopia
    • distopia
    • ecotopia
    • El Dorado
    • Paradiso
    • Utopia Planitia
    • socialismo utopico
    • pianificazione regionale
    • pianificazione urbana

    Collegamenti esterni

         

    GNU Fdl - it.Wikipedia.org




    Google | 

    Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |