Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Storia della Romania

Questo Ŕ l'articolo principale della
serie Storia della Romania
Dacia
Romania nel medioevo
Il risveglio nazionale della Romania
Il regno di Romania
La Romania durante la seconda guerra mondiale
Romania comunista
La Romania post-comunista
Questa voce dà soltanto un breve schizzo di ogni periodo della Storia della Romania, i dettagli sono presentati in voci separate (vedi i link nel riquadro e sotto). Le voci mancanti saranno aggiunto prossimamente.

Table of contents
1 Dacia
2 Romania nel medioevo
3 Il risveglio nazionale della Romania
4 Il regno di Romania
5 Romania durante la seconda guerra mondiale
6 Romania comunista
7 Romania dal 1989
8 Link esterni

Dacia

Articolo principale: Dacia

Il territorio dell'attuale Romania era abitato attorno al 200 AC dai Daci, una trib¨ dei Traci. Alla fine nacque uno stato sotto il governo del Re Burebista (70 AC-44 AC). Sotto il suo regno i Daci divennero uno stato potente che minacciava anche gli interessi dei Romani nella regione. Giulio Cesare era deciso ad intraprendere una campagna contro i Daci, ma fu assassinato nel 44 AC. Qualche mese pi¨ tardi, Burebista condivise la stessa fine, assassinato dai suoi stessi nobili. Il suo potente stato fu diviso in quattro e non si riunific├▓ fino al 95 DC, sotto il regno di Decebalus. Lo stato Dacio sostenne una serie di conflitti con l'Impero romano in espansione e fu infine conquistato nel 106 DC dall'Imperatore romano Traiano, durante il regno del re dacio Decebalus. Fronteggiata dalle successive invasioni di trib¨ germaniche, l'amministrazione romana si ritir├▓ due secoli pi¨ tardi.

Romania nel medioevo

Articolo principale: Romania nel medioevo

Seguirono delle vaste ondate di invasioni: gli Slavi nel settimo secolo, gli Ungheresi nel nono secolo ed i Tartari nel tredicesimo secolo. Tuttavia l'invasione pi¨ importante e con pi¨ influenze fu la migrazione nel settimo secolo dei Vallachi, una popolazione latina che occup├▓ vaste porzioni del territorio oggigiorno chiamato Romania dopo aver oltrepassato il Danubio da Sud, combinandosi con i Daco-Romani e gli Slavi per formare la nazione Rumena.

Furono creati molti piccoli e temporanei stati rumeni, ma soltanto nel quattordicesimo secolo nacquero i principati pi¨ grandi di Moldavia e Vallachia per combattere una nuova minaccia nella forma dei Turchi ottomani, che conquistarono Costantinopoli nel 1453. Nel 1541, l'intera penisola balcanica e gran parte dell'Ungheria erano province Turche. La Moldavia, Vallachia e Transilvania restarono autonome, sotto la sovranit├á degli ottomani.

La conquista ungherese della Transilvania dur├▓ circa due secoli. Nel undicesimo secolo la Transilvania divent├▓ una parte largamente autonoma del regno ungherese e comnici├▓ ad essere colonizzata dagli ungheresi (pi¨ specificamente gli 'Szeckelies' ) e da un certo numero di tedeschi, sebbene il numero dei colonizzatori non super├▓ mai quello dei rumeni.

Nell'anno 1600 i tre principati rumeni furono, per un breve periodo, uniti dal principe Vallaco Mihai Viteazul, ma l'unit├á scomparve quando Mihai fu ucciso, soltanto un anno pi¨ tardi, dai soldati di un ufficiale austriaco.

Alla fine del diciassettesimo secolo Ungheria e Transilvania divennero parte dell'impero austro-ungarico dopo la sconfitta dei Turchi. Gli austriaci, a loro volta, espansero rapidamente l'impero: nel 1718 un'importante parte della Vallachia, chiamata Oltenia, fu incorporata nell'impero austriaco e ritorn├▓ alla Turchia soltanto nel 1739.

Nel 1775 l'impero austriaco occup├▓ la parte nordoccidentale della Moldavia, chiamata pi¨ tardi Bucovina, mentre la parte orientale del principato (chiamata Bessarabia) fu occupata nel 1812 dalla Russia.

Il risveglio nazionale della Romania

Articolo principale: Il risveglio nazionale della Romania

Come in gran parte dei Paesi europei, il 1848 portò rivoluzione alla Moldavia, Vallacia e Transilvania. Gli scopi dei rivoluzionari erano di completare l'indipendenza delle prime due e l'emancipazione nazionale della terza e rimasero incompiuti; furono tuttavia la base di successive evoluzioni. Inlotre il sollevamento aiutò la popolazione dei tre principati a riconoscere la loro unità di lingua ed interessi.

Tassati pesantemente e mal amministrati sotto l'impero ottomano, nel 1859, sotto incitamento e suggerimento di Napoleone III re di Francia, il popolo di Moldavia e Vallachia elesse la stessa persona -- Alexander John Cuza -- come principe. Cos├Č nacque la Romania.

Il regno di Romania

Articolo principale: Il regno di Romania

Nel 1866 il principe tedesco Karl di Hohenzollern-Sigmaringen fu scelto come principe, con una mossa atta ad assicurare un appoggio tedesco per la futura indipendenza. Nel 1877 Karl condusse le armate rumene in una Guerra di Indipendenza piena di successo e fu coronato come primo re della Romania nel 1881.

Il nuovo stato, stretto tra le grandi potenze degli imperi ottomano, austro-ungarico e russo, con vicini slavi su tre fronti, guard├▓ a ovest, particolarmente alla Francia per i suoi modelli culturali, educativi ed amministrativi. Nel 1916 la Romania entr├▓ nella Prima Guerra Mondiale a fianco della Triplice Intesa. Alla fine della guerra gli imperi austro-ungarico e russo svanirono; gli organi governativi creati in Transilvania, Bessarabia e Bukovina scelsero l'unione con la Romania, creando la Grande Romania.

La maggior parte dei governi Rumeni dell'interguerra mantennero la forma, ma non la sostanza, di una monarchia liberale e costituzionale. Il quasi mistico movimento nazionalista Guardia di ferro, divenne un fattore politico rilevante sfruttando le paure del comunismo e provava risentimento per una allusiva dominazione straniera ed ebrea dell'economia. Nel 1938 per prevenire la formazione di un governo che avrebbe incluso ministri della guardia di ferro, re Carol II sciolse il parlamento e istitu├Č una dittatura regale di vita corta.

Nel 1939, la Germania e l'Unione Sovietica firmarono il patto Molotov-Ribbentrop che stipulava, tra le altre cose, l'"interesse" sovietico alla Bessarabia.

Romania durante la seconda guerra mondiale

Articolo principale:La Romania durante la seconda guerra mondiale

Come risultato del patto Molotov-Ribbentrop la Romania perse territorio sia all'est che all'ovest. Nel giugno 1940, dopo aver dato un ultimatum alla Romania, l'Unione Sovietica prese la Bessarabia e la Bucovina. Due terzi della Bessarabia furono combinati con una piccola parte di territori dell'URSS per dar luogo alla Moldavia. Il resto fu aggiunto alla RSS Ucraina.

Nel 1940-41 l'autoritarion generale Ion Antonescu prese il potere. Nell'agosto 1940, la parte nord della transilvania fu "ridata" da Germania e Italia alla Ungheria. La Romania entr├▓ nella seconda guerra mondiale a fianco delle Potenze dell'Asse nel giugno 1941, invadendo l'unione sovietica per recuperare la Bessarabia e la Bucovina.

Nell'agosto 1944, un colpo di stato condotto dal re Michael, con il supporto degli appositori politici e dell'esercito depose la dittatura di Antonescu e mise l'esercito della Romania affianco agli Alleati. La Romania ebbe pesanti perdite nella lotta contro i tedeschi in Transilvania, Ungheria e Cecoslovacchia.

Alla fine della Seconda Guerrra Mondiale, la Transilvania del nord ritorn├▓ alla Romania, ma Bucovina, Bessarabia e la Dobrogea del sud furono perdute. La repubblica socialista sovietica acquist├▓ l'indipendenza soltanto nel 1991, sotto il nome di Moldavia.

Romania comunista

Articolo principale: Romania comunista

L'occupazione sovietica che segu├Č la seconda guerra mondiale sfoci├▓ alla costituzione di una Repubblica Popolare comunista nel 1947 ed all'abdicazione del re Michael, che venne mandato in esilio.

Negli anni 1960, il governo comunista rumeno cominci├▓ ad asserire una certa indipendenza dall'Unione Sovietica. Nicolae Ceau┼čescu divenne capo del partito comunista nel 1965 e capo di stato nel 1967. La denuncia di Ceau┼čescu dell'invasione sovietica nel 1968 della Cecoslovachia ed un breve rilassamente della politica interna di repressione lo aiut├▓ ad ottenere una buona immagine sia in patria sie nell'Ovest. I capi di stato occidentali, sedotti dalla politica estera "indipendente" di Ceau┼čescu erano lenti a scagliarsi contro un regime, che alla fine degli anni 1970, era diventato di pi¨ in pi¨ aspro, arbitrario e capriccioso. La rapida crescita economica animata dai crediti esteri diede spazio ad una stringente austerit├á e una severa repressione politica.

Il governo del presidente Nicolae Ceau┼čescu divenne sempre pi¨ draconiano negli anni 1980.

Dopo il collasso del comunismo nel resto dell'Est europeo nella tarda estate ed autunno del 1989, una protesta a met├á dicembre a Timi┼čoara contro la rimozione forzata di un ministro ungherese crebbe ad una protesta nazionale contro il regime di Ceau┼čescu togliendo il dittatore dal potere. Ion Iliescu prese il suo posto il 22 dicembre. Ceau┼čecu fu immediatemente arrestato, e dopo un processo veloce fu giustiziato il 25 dicembre. Circa 1.550 persone furono uccise in confusi combattimenti sulle strade. Una improvvisata coalizione politica, il Fronte di Salvezza Nazionale (FSN) si install├▓ e proclam├▓ la restaurazione della libert├á e democrazia. Il partito comunista fu messo fuori legge, e le misure pi¨ impopolari di Ceau┼čescu, come il divieto di aborto e contraccezione ritirati.

Romania dal 1989

Articolo principale: La Romania post-comunista

Le elezioni presidenziali e parlamentari furono tenute il 20 maggio, 1990. Gareggiando contro i partiti d'avanguerra Partito Nazionale dei Contadini e Partito Nazionale Liberale, Iliescu vinse con l'85% dei voti. Il FSN prese due terzi dei posti in parlamento, nomin├▓ un professore universitario, Petre Roman come Primo Ministro e cominci├▓ delle timide riforme di mercato libero.

Dal momento che il nuovo governo era ancora largamente formato di ex-comunisti, i protestanti anti-comunisti si accamparono nella Piazza dell'Universit├á a Bucarest nell'aprile 1990. Due mesi pi¨ tardi i "hooligan" vennero brutalmente dispersi dai minatori della valle di Jiu chiamati dal presidente Iliescu. I minatori attaccarono anche le sedi e case dei leader di opposizione. Il governo di Petre Roman cadde nel tardo settembre 1991, quando i minatori ritornarono a Bucarest chiedendo un rialzo dei salari. Fu creato un governo tecnico, presieduto da Theodor Stolojan fino alle successive elezioni.

Una nuova costituzione democratica, redatta dal Parlamento, fu approvata per referendum popolare nel dicembre 1991. Nel settembre 1992 il presidente Iliescu vinse un nuovo mandato con una netta maggioranza e diede pluralità al suo partito, il FDSN. Con il supporto parlamentare dei partiti nazionalisti PUNR e PRM e del partito ex-comunista PSM fu formato un governo tecnico nel novembre 1992 presieduto dal Primo Ministro Nicolae Văcăroiu, un economista.

Emil Constantinescu della coalizione elettorale Convenzione Democratica (CDR) sconfisse Iliescu nel secondo turno di votazioni e lo rimpiazz├▓. Victor Ciorbea fu nominato ministro. Ciorbea rimase in ufficio fine al marzo 1998, quando fu rimpiazzato da Radu Vasile (PNTCD), ma nelle elezioni del 2000 il Partito Socialdemocratico (PSD) e Iliescu vinsero di nuovo il potere e Adrian N─âstase divenne premier.

Nel 2002, la Romania Ŕ stata invitata a unirsi alla NATO. Nello stesso anno l'UE conferm├▓ il suo forte sostegno per entrata nel 2007 della Romania.

  • Elenco regnanti della Vallachia (fino al 1859)
  • Elenco regnanti della Moldavia (fino al 1859)
  • Elenco regnanti della Transilvania (fino al 1918)
  • Re della Romania (1859-1947)
  • Presidenti della Romania (dal 1947)
  • Primi ministri della Romania (dal 1862)

Vedi anche: Romania

Link esterni


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |