Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Topologia

La topologia o studio dei luoghi (dal greco τοπος, luogo, e λογος) é una delle pi importanti branche della matematica moderna. Si caratterizza come lo studio delle proprietà delle figure e delle forme che non cambiano quando viene effettuata una deformazione senza "strappi", "sovrapposizioni" o "incollature". Concetti fondamentali come convergenza, limite, continuità, connessione o compattezza trovano nella topologia la loro migliore formalizzazione. La topologia si basa essenzialmente sui concetti di spazio topologico e omeomorfismo. Col termine topologia si indica anche la collezione di aperti che definisce uno spazio topologico.

Per esempio un cubo solido e una sfera solida sono omeomorfi, cio si può deformare l'uno fino ad ottenere l'altro senza ricorrere a nessuna incollatura, strappo o sovrapposizione (trasformazione bicontinua uno a uno): non possibile invece, per esempio, deformare una sfera in un cerchio con lo stesso sistema, perch la dimensione di un oggetto una proprietà topologica'', che non cambia con le trasformazioni. In questo senso la topologia indaga le proprietà pi profonde delle figure geometriche.

Il glossario topologico contiene definizioni di termini usati comunemente in topologia.

Table of contents
1 Storia
2 Introduzione elementare
3 Alcuni teoremi di topologia generale
4 Alcune nozioni utili dalla topologia algebrica
5 Schema generale della teoria
6 Generalizzazioni
7 Articoli correlati
8 Link esterni

Storia

L'antenata della topologia stata la geometria antica. L'articolo di Eulero del 1736 sui Sette ponti di Königsberg visto come uno dei primi risultati che non dipendono da nessun tipo di misura, vale a dire uno dei primi risultati topologici.

Georg Cantor, l'inventore della teoria degli insiemi, iniziò a studiare la teoria degli insiemi di punti nello spazio euclideo verso la fine del XIX secolo.

Maurice Fréchet, unificando il lavoro sugli spazi di funzioni di Cantor, Vito Volterra, Arzelà, Hadamard, Ascoli e altri, nel 1906 introdusse il concetto di spazio metrico.

Nel 1914 Felix Hausdorf, generalizzando la nozione di spazio metrico, coniò il termine di spazio topologico e definì quello che oggi detto spazio di Hausdorff.

Finalmente, nel 1922 Kuratowsky, con una ulteriore lieve generalizzazione fornì il concetto odierno di spazio topologico.

Introduzione elementare

Gli spazi topologici sono usati quotidianamente dall'analisi matematica, dall'algebra astratta, dalla geometria: questo rende la topologia una delle grandi idee unificanti della matematica. La topologia generale (o topologia degli insiemi di punti) definisce e studia alcune proprietà utili degli spazi e delle mappe, come la loro connessione, la compattezza e la continuità. La topologia algebrica invece un potente strumento per studiare gli spazi topologici e le mappe fra essi: essa assegna loro invarianti "discreti", pi calcolabili, spesso servendosi di funtori. Le idee della topologia algebrica hanno avuto una grande influenza sull'algebra e sulla geometria algebrica.

La motivazione profonda della topologia che alcuni problemi geometrici non dipendono dalla forma esatta degli oggetti coinvolti, ma piuttosto "dal modo in cui questi sono connessi". Per esempio il teorema della sfera pelosa della topologia algebrica dice che "non si può pettinare in modo continuo il pelo di una sfera pelosa". Questo fatto evidente per molte persone, anche se probabilmente non lo riconoscerebbero leggendo l'enunciato formale del teorema, e cio che non esiste un campo vettoriale continuo e non nullo di vettori tangenti alla sfera stessa. Come per i Ponti di Königsberg, il risultato non dipende dalla esatta forma della sfera, ma si applica anche a forme sferiche non regolari e in generale ad ogni tipo di oggetto (purch la sua superficie soddisfi certi requisiti di continuità e regolarità) che non abbia buchi.

Per tratare problemi che non considerano la forma esatta degli oggetti, bisogna mettere bene in chiaro quali sono le proprietà degli oggetti su cui possiamo contare: da questo bisogno nasce la nozione di equivalenza topologica. L'impossibilità di attraversare ogni ponte una e una sola volta vera per ogni configurazione di ponti topologicamente equivalente a quelli di Königsberg, e il problema della sfera pelosa si applica ad ogni spazio topologicamente equivalente a una sfera. Formalmente, due spazi sono topologicamente equivalenti se esiste un omeomorfismo fra loro: in questo caso sono detti omeomorfici e sono, ai fini topologici, esattamente identici.

Un omeomorfismo formalmente definito come una funzione biettiva continua dotata di una inversa continua, il che non molto intuitivo anche per chi conosce già il significato delle parole nella definizione. Una definizione meno formale restituisce meglio il senso di quanto sopra: due spazi sono topologicamente equivalenti se possibile trasformare l'uno nell'altro senza tagliare n incollare insieme pezzi dei due.

Un semplice esercizio introduttivo di classificare le lettere minuscole dell'alfabeto per classi di equivalenza topologica: per semplicità assumiamo che le linee delle lettere abbiano larghezza finita e diversa da zero. In quasi tuti i font di uso comune possiamo trovare una classe {a,b,d,e,o,p,q} di lettere con un buco, una classe {c,f,h,k,l,m,n,r,s,t,u,v,w,x,y,z} di lettere senza buchi e una classe {i,j} di lettere costituite da due parti distinte (a seconda del font, la g può appartenere alla classe con un solo buco o costituire l'unico elemento della classe di lettere con due buchi). Per un esercizio pi complicato, si può assumere che le linee abbiano larghezza zero: si possono ottenere molte classificazioni diverse a seconda del tipo di font che viene usato.

Alcuni teoremi di topologia generale

Alcune nozioni utili dalla topologia algebrica

Vedi anche elenco di argomenti di topologia algebrica.

  • Omologia e coomologia: numeri di Betti, caratteristica di Eulero.
  • Applicazioni interessanti: teorema del punto fisso di Brouwer, teorema di Borsuk-Ulam, teorema del sandwich al prosciutto.
  • Gruppi omotopici (compreso il gruppo fondamentale).
  • Classi di Chern, classi di Stiefel Whitney, classi di Pontrjagin.

Schema generale della teoria

  • successioni di fibre: successioni di Puppe, calcoli
  • Gruppi di sfere omotopici
  • Teoria dell'ostruzione
  • K-teorie: KO-teora, K-teorie algebriche
  • teoria della omotopia stabile
  • Teorema della rappresentabilità di Brown
  • (Co)bordismo
  • Firme
  • BP di Brown-Peterson e K-teoria Morava
  • Ostruzione chirurgica
  • H-spaces, infinite loop spaces, A rings
  • Teoria omotopica degli schemi affini
  • Coomologia di intersezione

Generalizzazioni

A volte serve usare gli strumenti della topologia, ma non disponibile un "insieme di punti". Si può allora ricorrere alla topologia formale, basata sull'orinamento e la convergenza di insiemi aperti come fondamento teorico; mentre la topologie di Grothendieck sono strutture particolari definite su categorie formali che permettono la definizione di sheaves su tali categorie, e con esse la definizione di teorie di coomologia molto generali.

Articoli correlati

  • Spazio topologico, elenco di argomenti generali di topologia
  • Topologia geometrica, elenco di argomenti di topologia geometrica
  • Topologia differenziale
  • Topologia di rete (matematica)
  • Link topology
  • Topologia dell'universo
  • Mappe di copertura

Link esterni


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |