Pagina iniziale | Navigazione |
Google

T

Il (dall'inglese tea, ed a sua volta da t'e (茶) in Amoy - 廈門 Xiamen, Fujian - lingua usata nella Cina meridionale) una pianta legnosa, la Camellia sinensis che viene coltivata principalmente in Cina, India, Sri Lanka, Giappone e Kenia. Dalle sue foglie (spesso miscelate con altre spezie, erbe o essenze) si ricava un notissimo infuso (o tisana).

Il té fu conosciuto dai Portoghesi che nel 1560 esplorarono il Giappone, e di qui fu importato in Europa, dove ebbe un immediato successo di gradimento. Divenne dapprima popolare in Francia ed in Olanda, poi (forse intorno al 1650) ebbe diffusione anche in Gran Bretagna.

Il té (che in lingua italiana dovrebbe essere scritto con l'accento acuto) nel tempo divenuto tradizionalmente identificativo di certa cultura sociale inglese, per la quale esso andrebbe preferibilmente consumato intorno alle ore 17 (tea-time), con una goccia (spot) di latte.

Fra le molte varietà, alcune delle pi diffuse sono il Darjeeling, l'Assam, il Lapsang Souchong.

La coltivazione del t quasi esclusiva della Cina e del Giappone ed per quegli Stati uno dei principali prodotti di esportazione. I t di Giava, delle Indie e del Brasile sono giudicati di qualità assai inferiore.

Le sue foglioline, accartocciate e disseccate per esser messe in commercio, sono il prodotto di un arbusto ramoso e sempre verde che non si eleva in altezza pi di due metri. La raccolta della foglia ha luogo tre volte all'anno: la prima nell'aprile, la seconda al principio dell'estate e la terza verso la metà dell'autunno.

Nella prima raccolta le foglie, essendo piccole e delicatissime, perché spuntate da pochi giorni, danno il t imperiale, che rimane sul luogo per uso dei grandi dell'impero; la terza raccolta in cui le foglie hanno preso il massimo sviluppo, riesce di qualità inferiore. Tutto il t che circola in commercio si divide in due grandi categorie: t verde e t nero. Queste poi si suddividono in molte specie: ma le pi usitate sono il t perla, il souchong, e il pekoe a coda bianca, il cui odore il pi aromatico e il pi grato. Il t verde essendo ottenuto con un'essiccazione pi rapida che impedisce la fermentazione, pi ricco di olio essenziale, quindi pi eccitante e però bene astenersene o usarlo in piccola dose frammisto al nero.Un importante varietà di t il t bancha; vi sono due tipi di t bancha:Kukicha naturalmente privo di teina,si trova in rametti e Hojika, stessa varietà ma contenente teina e si trova in foglia.Molto importante la varietà Kukicha soprattutto per l'uso consentito a persone che non possono assumere eccitanti come la teina:si tratta di foglie di t invecchiate almeno tre anni, praticamente priva di teina, ricche di oli essenziali, molto magnesio, calcio, fosforo e ferro. Ha un sapore leggermente pi aspro del t nero e profumo fortemente aromatico.

Nella Cina l'uso del t risale a molti secoli avanti l'era cristiana; ma in Europa fu introdotto dalla Compagnia olandese delle Indie orientali sul principio del secolo XVI; Dumas padre dice che fu nel 1666, sotto il regno di Luigi XIV che il t, dopo una opposizione non meno viva di quella sostenuta dal caffé, s'introdusse in Francia.

Il t si fa per infusione e ritiensi che meglio riesca nelle teiere, di metallo inglese. Un cucchiaino colmo dose pi che sufficiente per una tazza comune. Gettatelo nella teiera, che avrete prima riscaldata con acqua a bollore e versategli sopra tant'acqua bollente che lo ricopra soltanto e dopo cinque o sei minuti, che bastano per sviluppare la foglia, versate il resto dell'acqua in ebollizione, mescolate e dopo due o tre minuti l'infusione fatta. Se la lasciate lì troppo, diventa scura e di sapore aspretto perché si dà tempo a sciogliere l'acido tannico delle foglie che un astringente; però, se durante la prima operazione avete modo di tener la teiera sopra il vapore dell'acqua bollente, estrarrete dal t maggior profumo, ma se paresse troppo forte si può allungare con acqua bollente.

Il t eccita i nervi e cagiona l'insonnia; ma la sua azione, nella maggior parte de' casi, meno efficace di quella del caff e direi anche meno poetica ne' suoi effetti perché a me sembra che il t deprima e il caff esalti. Però la foglia cinese ha questo di vantaggio sopra la grana d'Aleppo, e cio, che esercitando un'azione aperitiva sulla pelle, fa sopportare meglio il freddo nel rigido inverno; per questo, chi può fare a meno di pasteggiar col vino nella colazione alla forchetta, troverebbe forse nel t, solo o col latte, una bevanda delle pi deliziose. Io uso un t misto: metà Souchong e metà Pekoe.


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |