Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Numeri complessi

Gli insiemi dei numeri nel corso dei secoli, sono andati mano mano allargandosi, per rispondere alle esigenza dell'uomo di dare soluzione a problemi ed equazioni sempre nuovi.

I numeri complessi sono un estensione dei numeri reali nata inizialmente per consentire di trovare tutte le soluzioni delle equazioni polinomiali.

Ad esempio, l'equazione non ha soluzioni reali, perchŤ in questo insieme non esistono numeri il cui quadrato sia negativo.

Si definisce allora il valore i, chiamato anche unità immaginaria, il quale gode della seguente proprietà:

I numeri complessi sono formati da due parti, una parte reale ed una parte immaginaria, e sono rappresentati dalla seguente espressione:

dove a e b sono i numeri reali, mentre i Ť l'unit√† immaginaria.

Le leggi della somma e del prodotto nei numeri complessi si applicano cosi:

Qualunque equazione polinomiale può essere risolta attraverso i numeri complessi. Anzi il calcolo differenziale, alla luce dell'analisi complessa mostra scoperte irraggiungibili da funzioni di variabili reali.

I numeri complessi al contrario dei reali non si possono vedere come continuativi su di una retta bensì occorre rappresentarli graficamente attraverso il diagramma di Argand-Gauss.

In matematica il termine complesso come aggettivo viene utilizzato per definire l'insieme su cui lavorano gli operatori matematici. Per esempio matrici complesse, polinomi complessi e algebra di Lie complessa.

Table of contents
1 Storia
2 Definizione
3 Alcune proprietà
4 Analisi complessa
5 Applicazioni
6 Altro
7 Altre letture

Storia

Il piý antico riferimento alla radice di un numero negativo lo si ha negli scritti di Heron di Alessandria risalenti al I secolo AC. In questi scritti l'autore cerca di determinare il volume della piramide tagliata da due piano non paralleli. La comparsa di radici di numeri negativi inizio a farsi piý frequente nel XVI secolo quando vennero scoperte le soluzioni delle equazioni di terzo grado e il matematico italiano Tartaglia riusc√¨ a risolvere le equazioni di quarto grado. Queste formule evidenziavano che anche se uno era interessato solo alle soluzioni reali spesso era costretto a lavorare che le radici di numeri negativi. Questo era sconvolgente dato che nemmeno i numeri negativi erano considerati dei veri numeri, la maggioranza dei matematici li riteneva dei trucchi utilizzati per arrivare alla soluzione. Il termine "immaginario" venne utilizzato per la prima volta da Ren√© Descartes nel XVII secolo e ben rappresenta la titubanza dei matematici dell'epoca verso questi nuovi numeri che "non dovrebbero esistere". Nel XVIII secolo i lavori di Abraham de Moivre e di Leonhard Euler hanno iniziato a fornire hai numeri complessi una base teorica. A de Moivre si deve (1739) la famosa formula che porta il suo nome.

e a Euler (1748) la formula di Euler per analisi complessa:

.

L'esistenza dei numeri complessi non Ť stata accettata completamente fino a che non Ť stata scoperta la loro l'interpretazione geometrica (vedi oltre) da Caspar Wessel nel 1799; riscoperta e resa famosa parecchi anni dopo da [[Carl Friedrich Gauss] ]. Con Gauss la teoria dei numeri complessi ha avuto un'espansione notevole. L'idea della rappresentazione grafica dei numeri complessi era stata accennata fin da 1685, da Wallis nel 'tractatus del De Algebra .

La memoria del Wessel presente negli atti dell'accademia di Copenhaghen del 1799 Ť chiara e completa, anche paragonata alla moderna teoria. Inoltre considera anche la sfera e da una teoria dei quaternioni da cui sviluppa una trigonometria sferica completa. Nel 1804 anche Abb√© Bu√©e arriva alla medesima idea che Wallis aveva suggerito, cioŤ che quel dovrebbe rappresentare una linea posta amet√† tra un numero ed il suo negativo e che la linea dovesse essere, perpendicolare all'asse reale. La relazione del Bu√©e non venne pubblicata fino al 1806, nello stesso anno Jean-Robert Argand pubblic√≤ un opuscolo sul medesimo argomento. √ą al saggio del Argand che si deve il fondamento scientifico per la rappresentazione grafica dei numeri complessi. Tuttavia, nel 1831 Gauss ritenendo la teoria sconosciuta ne scrisse un saggio pubblicato nel 1832 portando il mondo matematico a conoscenza dei numeri complessi e della loro rappresentazione geometrica. Merita Menzione anche un piccolo trattato scritto da Mourey nel (1828), in cui i fondamenti per la teoria dei numeri direzionali sono risieduti scientificamente. L'accettazione generale della teoria dei numeri complessi si deve anche a Cauchy e Abel, in particolare al secondo che Ť stato il primo ad scrivere in GRASSETTO i numeri complessi con il successo che Ť ben noto.

I termini piý comuni usati nella teoria sono dovuti principalmente hai fondatori: Argand chama il fattore direzionale, e il modulo; Cauchy (1828) chiama la forma ridotta (l'expression r√©duite); Gauss usa per , introduce il termine "numero complesso" , e chiama la norma.

L'espressione coefficente direzionale, usata spesso per ,Ť dovuto a Hankel (1867), invece valore assoluto, per il modulo, lo si deve a Weierstrass.

Dopo Cauchy e Gauss vi sono stati un certo numero di contributi di alto livello, dei vari contributi non si piý non accennare a Kummer (1844) Kronecker (1845), Scheffler (1845, 1851, 1880), Bellavitis (1835, 1852), Peacock (1845) e De Morgan (1849). Non si pu√≤ non citare anche M√∂bius per le sue memorie riguardanti alle applicazioni geometriche dei numeri complessi e Dirichlet che espanse la teoria includendo le congluenze, al reciprocit√†, ecc.. come nel caso dei numeri reali.

Altri tipi di numeri complessi sono stati studiati, oltre al familiare , in di cui la Ť la radice di . Eisenstein ha studiato il tipo , di cui Ť la radice di . Similmente, i tipi complessi sono stati derivati da (con numero primo). Questa generalizzazione Ť in gran parte dovuto Kummer, il quale ha inoltre contibuito alla teoria dei numeri ideali, che recentemente Ť stata facilitata da Klein (1893) dal punto di vista della geometria. Una teoria complessa successiva Ť dovuta a Galois, la base che Ť le radici immaginarie di una congruenza irriducibile,

(mod , con a numero primo). Gli ultimi scritti (del 1884) sulla teoria generale si devono a Weierstrass, Schwarz, Dedekind, Hölder, Berloty, Poincaré, Study e Macfarlane.

La definizione corretta utilizzante due numeri reali Ť stata formulata nel XIX secolo.

Definizione

Formalmente i numeri complessi sono definiti come una coppia ordinata di numeri reali (a, b) che sopportano le seguenti operazioni:

Così definiti i numeri complessi formano il campo dei numeri complessi. Il campo detto anche insieme dei numeri complessi si indica con la lettera C (o
in grassetto bordato).

Per identificare il numero reale "a" nel campo complesso si usa la seguente notazione, (a, 0), dato che i numeri reali sono un sottoinsieme dei numeri complessi. In C l'unità immaginaria i si indica come (0,1).

In C Ť definita l'operazione topologica di chiusura dei numeri algebrici e la chiusura algebrica di R.

Geometria

Un numero complesso può essere visto come il punto indicato da un vettore posizionale in un sistema bidimensionale a coordiante cartesione. Una rappresentazione di questo tipo si chiama diagramma di Argand. Nella figura si vede

La seconda espressione utilizza r cis φ, normalmente r Ť chiamato il valore assoluto di z e φ Ť chiamato argomento complesso di z. Tuttavia, la formula di Eulero ci dice che ei φ = cisφ. La forma esponenziale di da una migliore comprensione della "r" rispetto alla forma rcisφ, infatti questa forma non viene quasi mai usata negli articoli di matematica.

Delle semplici identità trigonometriche sono:

e ancora

La somma di un vettore con un altro vettore produce dello
spazio vettoriale dei numeri complessi una moltiplicazione rotazione del vettore risultante.

Moltiplicare un vettore o equivalentemente un numero complesso per l'elemento "i" produce una rotazione di 90 gradi dell'elemento risultante. Ovviamente la moltiplicazione per "i" e poi ancora per "i" produce una rotazione di 180 gradi, ci√≤ Ť logico se ci si ricorda che "i" * "i" =-1 e infatti se il numero di partenza era positivo dopo le moltiplicazioni si ottiene lo stesso numero solo che negativo.

Valore assoluto coniugato e distanza

Ricordando che il valore assoluto (o modulo) in un numero complesso z = r e Ť definito come |z| = r. Algebricamente, se z = a + ib, allora|z| = (a2 + b2 ).

Si può verificare che il valore assoluto ha tre proprietà importanti:

tutti i numeri complessi z e w . Definendo la funzione di distanza d(z, w) =|z - w| rendiamo i numeri complessi uno spazio metrico e possiamo quindi parlare di limiti e di continuit√†. La somma, la sottrazione, la moltiplicazione e la divisione dei numeri complessi sono allora funzioni continue. A meno che diversamente specificato, questo Ť la spazio metrico utilizzato dai numeri complessi.

Il complesso coniugato del numero complesso z = a + ib Ť definito come a - ib, scritto come or z*. Guardando la figura, Ť la riflessione di z rispetto all'asse reale. Si possono verificare le seguenti propriet√†:

se e solo se z Ť reale
se z non Ť uno zero

La formula finale Ť utilizzata per calcolare l'inverso di un numero complesso se Ť data nelle coordinate rettangolari.

L' argomento complesso di z=re Ť φ. Nota che l'argomento complesso Ť unico a meno di modulo 2π.

Rappresentazione matriciale dei numeri complessi

Mentre solitamente non sono utili, le rappresentazioni alternative del campo complesso possono dare una certa comprensione nella loro natura. Una specialmente rappresentazione rappresenta ogni numero complesso come 2√ó2 matrice con numeri reali che se modificati spostano e ruotano i punti nel piano. La matrice ha la forma

con a e b numeri reali. La somma ed il prodotto di due tabelle Ť ancora di questa forma. Ogni elemento diverso da zero nella tabella Ť invertibile ed il relativo inverso Ť ancora di questa forma. Di conseguenza, le tabelle di questa forma sono un campo. Infatti, questo Ť esattamente il campo dei numeri complessi. Ogni tale tabella pu√≤ essere scritta come:
questa rappresentazione implica che il numero reale 1 va rappresentato con la seguente matrice
e questa Ť la rappresentazione dell'unit√† immaginaria i

una rotazione in senso antiorario da 90 gradi. Si noti che il quadrato di questa matrice Ť effettivamente uguale a -1.

Il valore assoluto di un numero complesso espresso come matrice Ť uguale alla radice quadrata del determinante di quella matrice. Se la matrice Ť considerata come la trasformazione di un punto nel piano, allora la trasformazione ruota i punti con un angolo uguale al coefficiente direzionale del numero complesso e scala il punto di un fattore uguale al valore assoluto del numero complesso. Il coniugato del numero complesso z corrisponde alla trasformazione che ruota z con lo stesso angolo ma nel senso opposto e con modulo uguale; ci√≤ pu√≤ essere descritta dalla trasposta della tabella che corrisponde a z.

Alcune proprietà

Spazio dei vettori reali

C Ť uno spazio vettoriale reale a due dimensioni.

Diversamente dai numeri reali i numeri complessi non possono essere ordinati, non esiste ordinamento che conservi le operazioni aritmetiche, C non può diventare un campo ordinato.

Soluzioni delle equazioni polinomiali

Le radici del polinomio p sono dei numeri complessi z tali che p(z)=0. Un risultato notevole Ť che tutti i polinomi di grado n hanno esattamente n soluzioni reali o complesse contate a seconda della loro molteplicit√†. Questo Ť conosciuto anche come teorema fondamentale dell'algebra e indica che i numeri complessi sono dei campi algebrici chiusi.

Effettivamente, il campo dei numeri complessi Ť una chiusura algebrica del campo dei numeri reali. Pu√≤ essere identificato come anello dei quozienti del polinomio anello R[x] dall'ideale generato dal polinomio X2 + 1:

Questo Ť effettivamente un campo perch√© X2 + 1 Ť irriducibile. L'immagine di X in questo anello dei quozienti si transforma nell'unit√† immaginaria i.

Analisi complessa

Lo studio delle funzioni con variabili complesse Ť chiamata analisi complessa ed Ť usatissima nella matematica applicata e nella teoria dei numeri oltre che in altre branche della matematica. Spesso, le dimostrazioni piý semplici per gli enunciati dell'analisi reale o persino della teoria dei numeri impiegano le tecniche da analisi complessa (vedi teorema dei numeri primi per un esempio). Diversamente delle funzioni reali che sono rappresentate comunemente come grafici bidimensionali, le funzioni complesse hanno grafici a quattro diemensioni e spesso vengono rappresentate come grafici colorati dove il colore rappresenta la dimensione mancante. Si possono anche usare delle animazioni per mostrare la trasformazione dinamica della funzione complessa del piano complesso.

Applicazioni

Teoria del controllo

Nella teoria del controllo, i sistemi vengono trasformati da sistemi definiti nel dominio del tempo a sistemi definiti nel dominio delle frequenze usando la trasformata di Laplace. I poli e gli zeri del sistema vengono analizzati nel piano complesso. Dal piano complesso si estrae il luogo delle radici, il grafico di nyquist e il grafico di nichols che vengono utilizzati per studiare le propriet√† del sistema. Il luogo delle radici in particolare Ť molto importante perch√© a seconda di dove si trovino i poli o gli zeri permette di determinare la stabilit√† o l'instabilit√† del sistema. Se in un diagramma i poli hanno:
  • la parte reale positiva il sistema sar√† instabile
  • la parte reale negativa il sistema sar√† stabile
  • la parte reale nulla il sistema sar√† marginalmente stabile
Gli zeri vengono utilizzati per verificare se il sistema Ť a fase minima

Analisi dei segnali

I numeri complessi vengono utilizzati nell'analisi dei segnali e in tutti i campi dove Ť conveniente descrivere il periodo del segnale e capire come varia. Il valore assoluto di |z| Ť interpretato come la ampiezza del segnale mentre l'argomento di z Ť interpretato come la fase. I numeri complessi rendono possibile anche l'analisi di Fourier,questa analisi si preoccupa di trasformare un generico segnale in una somma di funzioni periodiche, queste funzioni periodiche sono scritte come una parte reale ed una parte immaginaria nella forma
dove ω rappresenta la frequenza angolare del numero complesso z

Nell'ingegneria elettrica, vengono utilizzati per indicare il voltaggio e la corrente. L'analisi dei componenti resistivi, capacitivi e induttivi Ť stata unificata con l'introduzione dei numeri complessi, che possono esprimere delle relazioni che tengono conto delle frequenze e di come i componenti varino il loro comportamento al variare della frequenza. (nell'ingegneria elettrica si usa la lettera j per indicare l'unit√† immaginaria dato che la i Ť riservata alla corrente.)

Integrali impropri

Il teorema dei residui viene usato nell'analisi complessa per calcolare alcuni integrali impropri di difficile soluzione.

Meccanica Quantistica

Il campo dei numeri complessi Ť una componente essenziale della meccanica quantistica dato che la teoria Ť sviluppata in uno spazio di Hilbert a infinite dimensione derivato da C.

Relatività

Nella relativit√† generale e relativit√† speciale alcune formule dello spazio metrico diventato piý semplici se uno suppone la variabile temporale come una variabile immaginaria.

Applicazioni matematiche

Nelle equazioni differenziali, Ť normalmente prima si trovano tutte le radici r dell'equazione caratteristica e dell'equazione differenziale lineare, poi si tenta di risolvere il sistema in termini di funzioni base del tipo f(t) = ert.

Dinamica dei fluidi

Nella dinamica dei fluidi i numeri complessi vengono utilizzati per descrivere il flusso potenziale in 2 dimensioni.

Frattali

Alcuni frattali utilizzano i numeri complessi per tracciare le funzioni, per esempio l'insieme di Mandelbrot e il frattale di Lyapunov.

Altro

quaternioni, geometria complessa, campi locali, fasore, Leonhard Euler, identità di Eulero, numeri Ipercomplessi, formula di De Moivre'

Altre letture


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |