Pagina iniziale | Navigazione |
Google

Austria

Republik Österreich
() ()
Motto: Bella garant alii - tu felix austria nube
Denominazione ufficiale: Republik Österreich
Inno nazionale: Land der Berge, Land am Strome
Lingua ufficiale: Tedesco
Capitale: Vienna (Wien )
Forma di governo: Repubblica federale parlamentare
Attuale capo di stato: Heinz Fischer
Attuale premier: Wolfgang Schüssel
Continente: Europa
Superficie:
 - Totale
 - % acque
112 a
83.858 km²
1,3 %
Abitanti (al 2001): 8.150.835 86 a
Densità: 97 ab./km²
Festa Nazionale: 26 ottobre
Indipendenza: 27 luglio 1955
Valuta: Euro
Sigla automob. intern: A
Fuso orario: UTC+1
TLD: .at
Prefisso telefonico:
43
Membro ONU dal 14 dicembre 1955
Membro UE dal 1955
Membro NATO dal N/A

La Repubblica austriaca una nazione dell'Europa Centrale, composta da una federazione di nove stati. È una democrazia parlamentare, entró a fare parte dell'ONU nel 1955 e 40 anni dopo, nel 1995, aderí all'Unione Europea (UE). Confina con: Svizzera e Liechtenstein ad ovest, Italia e Slovenia a sud, Ungheria e Slovacchia ad est e Germania e Repubblica Ceca a nord.

Table of contents
1 Storia
2 Politica
3 I Länder
4 Geografia
5 Principali città
6 Economia
7 Demografia
8 Cultura
9 Argomenti vari
10 Collegamenti esterni

Storia

Articolo principale: Storia dell'Austria

Dopo essere stata conquistata da Romani, Unni, Longobardi, Ostrogoti, Bavari e Franchi, l'Austria finì sotto il dominio dei Babenberg dal X al XIII secolo. I Babenberg vennero quindi scalzati dagli Asburgo, la cui linea continuò a governare l'Austria fino al XX secolo.

Dopo l'abolizione del Sacro Romano Impero nel 1806, venne fondato l'Impero Austriaco, che venne trasformato nel 1867 nella doppia monarchia dell'Austria-Ungheria. L'impero venne diviso in diversi stati indipendenti dopo la sconfitta delle Potenze Centrali nella prima guerra mondiale, portando l'Austria ad ottenere la forma odierna.

Nel 1918 l'Austria divenne una repubblica, che durò fino al 1934, quando il cancelliere Engelbert Dollfuss stabilì la dittatura.

L'Austria venne annessa alla Germania Nazista nel 1938 (il cosidetto Anschluss). Alla fine della seconda guerra mondiale, dopo la sconfitta nazista, l'Austria venne occupata dagli Alleati fino al 1955, quando la nazione divenne nuovamente una repubblica indipendente, a condizione che rimanesse neutrale. Comunque, dopo il collasso del comunismo, in Europa Orientale, l'Austria venne sempre pi coinvolta nelle questioni europee, e nel 1995, entrò a far parte dell Unione Europea, e nella zona dell'Euro nel 1999.

Politica

Articolo principale: Politica dell'Austria

Il capo di stato un presidente federale (tedesco: Bundespräsident), egli viene votato ogni 6 anni direttamente dalla popolazione. Il presidente a sua volta vota il cancelliere federale (nella scelta può essere abbastanza libero, deve però prendere in considerazione la maggioranza del consiglio nazionale), tradizionalmente il capo del principale partito risultante dalle elezioni per il parlamento. Il parlamento austriaco consiste di sue camere, il Bundesrat, che consiste di 64 rappresentanti degli stati, a seconda della popolazione, e il Nationalrat, che ha 183 membri eletti direttamente.

Dopo tre decenni di partecipazione social-democratica (SPÖ) al governo, nel 2000 venne formata una coalizione di destra, consistente del conservatore Partito Popolare (ÖVP) e dal Partito della Libertà, di destra (FPÖ). Comunque, dopo qualche tumulto interno sulla politica e la leadership del partito, il Cancelliere Federale Wolfgang Schüssel (ÖVP) annunciò il 9 settembre 2002 che si sarebbero tenute elezioni generali anticipate per la fine di novembre. Nelle elezioni del 24 novembre 2002, l'ÖVP vinse con una netta vittoria (42,3% dei voti), mentre l'FPÖ venne ridotto ad un mero 10,1%.

L'attuale parlamento austriaco (Nationalrat, 183 seggi) così composto:

  • 79 seggi ÖVP (Partito Popolare Austriaco) (42,3% dei voti)
  • 69 seggi SPÖ (Partito Social-democratico Austriaco) (36,51%)
  • 18 seggi FPÖ (Partito della Libertà Austriaco) (10,1%)
  • 17 seggi Verdi (Partito Verde Austriaco) (9,47%)

Il 28 febbraio 2003, la coalizione tra ÖVP ed FPÖ venne continuata, sempre con Wolfgang Schüssel (ÖVP) come Cancelliere Federale. Il suo Vice Cancelliere fu Herbert Haupt (FPÖ) fin quando non venne rimpiazzato da Hubert Gorbach (FPÖ) il 20 ottobre 2003. In precedenza lunghissimi colloqui ("Sondierungsgespräche") si svolsero tra l'ÖVP e gli altri maggiori partiti: FPÖ, SPÖ e Verdi.

I Länder

Articolo principale: Laender Austriaci

L'Austria composta da 9 stati federali (tedesco: Bundesländer, singolare: Bundesland)

  1. Burgenland (Capoluogo Eisenstadt)
  2. Carinzia (Capoluogo Klagenfurt)
  3. Bassa Austria (Capoluogo St. Pölten)
  4. Alta Austria (Capoluogo Linz)
  5. Salisburgo (Capoluogo Salisburgo)
  6. Stiria (Capoluogo Graz)
  7. Tirolo (Capoluogo Insbruck)
  8. Vorarlberg (Capoluogo Bregenz)
  9. Vienna

Geografia

Articolo principale: Geografia dell'Austria

Austria's west and south are situated in the Alps, making it a well-known winter sports destination. The highest mountain is the Grossglockner, at 3798 meters above sea level, followed by the Wildspitze (3774 m).

L'Austria é per il 60% circa formato da montagne di conseguenza una buona parte delle Alpi si trovano su territorio austriaco. La parte nord ed est invece composta da terreno collinare. Il clima temperato, gli inverni sono abbastanza rigidi mentre nei mesi da luglio a settembre le temperature si aggirano su i 25-35 gradi.

Principali città

Articolo principale: Elenco di città austriache

Le città principali sono la capitale Vienna e i capoluoghi dei vari Bundeslaender: St. Pölten, Linz, Salisburgo, Innsbruck, Bregenz, Klagenfurt, Graz ed Eisenstadt.

Economia

Articolo principale: Economia dell'Austria

L'Austria, con la sua economia di mercato ben sviluppata e la sua alta qualità della vita, strettamente legara alle altre economie dell'Unione Europea, specialmente a quella tedesca. L'appartenenza all'UE ha portato un influsso di investitori esteri attratti dall'accesso austriaco al mercato unico e alla sua vicinanza ai nuovi menbri dell'UE. La lenta crescità della Germania e del resto del mondo ha influenzato l'Austria, rallentandone la crescita all'1,2% in 2001. Per incontrare la crescente competizione dei paesi UE e dell'Europa Centrale, l'Austria necessiterà di incrementare i settori economici pi legati al know-how, continuare la deregulation del settore deiservizi, ed abbassare il carico fiscale.

Vedi anche: Aziende austriache

Demografia

Articolo principale: Demografia dell'Austria

Circa il 90% della popolazione austriaca é di provenienza bavarese, il restante 10% proviene principalmente dalle nazioni circostanti: ungheresi (che sono fluiti durande l'impero austro-ungarico) e slavi. Gli stati federali di Carinzia e Stiria ospitano una significativa minoranza (indigena) slovena di circa 18.000 membri. I cosidetti "lavoratori ospiti" (gastarbeiter) e i loro discendenti, formano anch'essi un importante minoranza in Austria. La lingua ufficiale, il tedesco, parlata da quasi tutti i residenti. La natura montagnosa del terreno ha portato allo sviluppo di numerosi dialetti, che appartengono tutti al gruppo Austro-Bavarese dei dialetti tedeschi, con l'eccezione del dialetto parlato nel, Vorarlberg, che appartiene al gruppo dei dialetti alemanni.

Esiste inoltre un distinto standard grammaticale per il tedesco austriaco, con alcune significative differenze con il tedesco parlato in Germania.

Pi di tre quarti degli austriaci sono Cattolici romani. Altre religioni importanti sono quella protestante e l'Islam. Gli ebrei hanno vissuto nell'area che ora forma la Repubblica Austriaca per secoli. Una gran parte della comunità braica austriaca emigrò durante gli anni '30, e molti di quelli che restarono vennero uccisi durante l'olocausto. Nel 1930, l'Austria ospitava almeno 100.000 ebrei. Oggi, le stime parlano di una comunità ebraica piccola ma in espansione, compresa tra le 10.000 e le 20,000 persone.

Cultura

Articolo principale: Cultura dell'Austria

L'Austria ha in campo culturale e soprattutto letterale molti scrittori da vantare, tra i quali: Franz Grillparzer, Adalbert Stifter, Peter Rosegger, Johann Nestroy, Karl Heinrich Waggerl, Peter Handke e Ingeborg Bachmann; come pittori figurano Ferdinand Georg Waldmüller, Gustav Klimt, Egon Schiele, Oskar Kokoschka, Max Weiler, Ernst Fuchs, Günter Brus ed Hermann Nitsch. L'Austria stata anche la patria di diversi famosi compositori come Wolfgang Amadeus Mozart, Johann Strauss, Padre e Johann Strauss, Figlio; oltre ai membri della seconda scuola viennese come Arnold Schoenberg, Anton Webern, e Alban Berg. Altri austriaci famosi comprendono i fisici Ludwig Boltzmann e Erwin Schrödinger i filosofi Ludwig Wittgenstein e Kurt Gödel, l'economista Joseph Schumpeter, nonch il padre della psicoanalisi, Sigmund Freud, e Konrad Lorenz, il fondatore dell'etologia.

Per la sua posizione sulle alpi, l'Austria può vantare molti grandi campioni di sci alpino, come Toni Sailer, Hermann Maier, Annemarie Moser-Pröll e Anita Wachter.

Vedi anche: Austriaci celebri

Festività
Data Nome italiano Nome locale Note
1 gennaio Capodanno Neujahr  
6 gennaio Epifania Heilige Drei Könige  
Data mobile Pasqua Ostersonntag Venerdì Santo festivo per i protestanti
Data mobile Lunedì di Pasqua Ostermontag  
1 maggio   Staatsfeiertag anche, Festa del Lavoro
Data mobile Ascensione Christi Himmelfahrt giovedì 40 giorni dopo Pasqua
Data mobile< Pentecoste Pfingstsonntag  
Data mobile Lunedì di Pentecoste Pfingstmontag  
Data mobile Corpus Christi Fronleichnam giovedì 11 giorni dopo Pentecoste
15 agosto Assunzione di Maria Mariae Himmelfahrt  
26 ottobre Festa NAzionaleNationalfeiertag approvazione della legge sulla neutralità del 1955
1 novembre Ognisanti Allerheiligen  
8 dicembre Immacolata Concezione Mariae Empfängnis  
25 dicembre Matale Christtag, Weihnachten  
26 dicembre Santo Stefano Stefanitag  

Argomenti vari

  • Comunicazioni in Austria
  • Trasporti in Austria
  • Esercito austriaco
  • Relazioni estere dell'Austria
  • lingua austriaca
  • Turismo in Austria
  • Francobolli e storia postale dell'Austria

Collegamenti esterni


Paesi del Mondo | Europa
Albania | Andorra | Austria | Belgio | Bielorussia | Bosnia-Erzegovina | Bulgaria | Repubblica Ceca | Città del Vaticano | Croazia | Danimarca | Estonia | Finlandia | Francia | Germania | Grecia | Repubblica d'Irlanda | Islanda | Italia | Lettonia | Liechtenstein | Lituania | Lussemburgo | Repubblica di Macedonia | Malta | Moldavia | Principato di Monaco | Norvegia | Paesi Bassi | Polonia | Portogallo | Regno Unito | Romania | Russia | San Marino | Serbia e Montenegro | Slovacchia | Slovenia | Spagna | Svezia | Svizzera | Turchia | Ucraina | Ungheria |

Unione Europea (EU)
Austria | Belgio | Danimarca | Finlandia | Francia | Germania | Grecia | Repubblica d'Irlanda | Italia | Lussemburgo | Paesi Bassi | Portogallo | Regno Unito | Spagna | Svezia
 
Paesi che entreranno nell'Unione Europea il 1 maggio 2004:
Cipro | Estonia | Lettonia | Lituania | Malta | Polonia | Repubblica Ceca | Slovacchia | Slovenia | Ungheria
 
Paesi del Mondo | Europa | OSCE | Consiglio d'Europa


GNU Fdl - it.Wikipedia.org




Google | 

Enciclopedia |  La Divina Commedia di Dante |  Mappa | : A |  B |  C |  D |  E |  F |  G |  H |  I |  J |  K |  L |  M |  N |  O |  P |  Q |  R |  S |  T |  U |  V |  W |  X |  Y |  Z |